La dieta di sportivi e tifosi

Lunghi pomeriggi e serate da trascorrere davanti alla televisione a fare il tifo per gli atleti italiani in gara ai Giochi Olimpiciche stanno per aprirsi a Londra.

Sembra essere questo il programma di milioni di italiani per le prossime settimane. Ma attenzione a non ritrovarsi con qualche chilo di troppo.

La tentazione di sgranocchiare qualche snack ipercalorico, accompagnato da bibite zuccherate può essere irresistibile e alla fine qualcuno potrebbe pentirsene. Patatine, bibite dolci o alcoliche, merendine a gogo: sono questi gli snack preferiti dai tifosi.

Ma vanno consumati con moderazione, anche perché distratti dal tifo e dalla televisione è molto probabile che si esageri senza nemmeno rendersene conto davvero. Enrico Arcelli, Medico sportivo e Dietologo, invece, consiglia di anticiparsi e preparare qualche ricetta semplice e salutare, da mangiare anche davanti alla tv.

Via libera alle macedonie, alle insalatone e agli spiedini di pesce, ad esempio, come il salmone, ricco di proteine nobili e Omega-3, antiossidanti che riducono il rischio cardiovascolare, combattono le infiammazioni e mantengono giovane il cervello. E anche gli atleti non dovrebbero mai farsi mancare questo prezioso alimento: alcuni studi hanno dimostrato, infatti, che gli sportivi che seguono una dieta ricca di pesce hanno migliori tempi di reazione.

Ma come essere delle persone sportive e mantenersi in forma? Ecco sette indicazioni utili fornite dal medico.

  • Fare almeno mezz’ora al giorno di attività fisica e se lo si desidera intensificare progressivamente l’allenamento
  • Non dimenticarsi di bere almeno un litro e mezzo di acqua al giorno, rinunciando alle bibite gassate e zuccherate
  • Inserire in ogni pasto principale verdure crude o bollite e frutta e rinunciando a cibi fritti e troppo grassi
  • Ridurre il consumo di carboidrati concentrati
  • Preferire alimenti ricchi di proteine nobili, come il salmone
  • Fare frequenti spuntini in modo da non arrivare mai affamati al momento del pasto
  • Dormire almeno 7-8 ore a notte per ricaricare l’organismo.